Rubrica Get Fit Get Aktive: Positive Thinking

Oggi si affronta il tema del fitness da un punto di vista molto più ampio del solito. In realtà l’argomento che andremo a trattare è benissimo applicabile anche ad altri ambiti e in generale alla vita di tutti i giorni! Si tratta del pensiero positivo e alla possibilità di fare una scelta piuttosto che un’altra.

13567431_10209893721923875_663630759452459453_n

Come ben sapete scrivendo gli articoli di questa rubrica non attingo a manuali o cose simili, e anche in questo caso, come faccio sempre, non parlerò di psicologia o di training autogeno, non direttamente almeno.

Quello che faccio oggi è parlarvi della mia esperienza e di come cerco di affrontare le cose, diciamo che parlando di fitness questa mentalità mi ha permesso di passare da ragazzetto magrolino ad atleta da mondiale. Ed è la stessa cosa che potrebbe fare chiunque per raggiungere i propri obiettivi, cambiare il proprio fisico, ottenere un lavoro, comprare casa, far innamorare la ragazza dei propri sogni, ecc.

Possiamo scegliere se lamentarci e trovare innumerevoli motivazioni per cui potremmo/dovremmo tirarci indietro…. oppure possiamo scegliere di cambiare le cose a nostro favore. Il punto chiave è l’atteggiamento con cui affrontiamo le cose, il nostro approccio dal punto di vista psicologico. I miei lettori fedelissimi sanno che anche se gli argomenti variano di molto da una settimana all’altra, torna spesso il discorso dell’aspetto mentale che secondo il mio modestissimo parere fa davvero la differenza.

12-motivational-typography-quotes-640x640

Personalmente mi piace procedere a piccoli passi, cercando giorno dopo giorno di migliorare seguendo delle piccole regole:

  • LA DECISIONE: prima di intraprendere qualsiasi percorso di miglioramento va fatta una scelta, decidiamo di cambiare, modificare la nostra vita migliorandone uno dei suoi aspetti, decidiamo di predisporci mentalmente perchè tutto il nostro essere tenda verso l’obiettivo che ci prefiggeremo.
  • PORSI OBIETTIVI: senza un piano di azione anche la persona più determinata fallisce. Pianificate quindi il vostro personalissimo programma stilando una “to do list” ed eventualmente mettete in piedi anche un piano B per ogni evenienza (personalmente ho sempre 3 piani a disposizione)…. anche una “NOT to do list” potrebbe essere utile.
  • PORSI OBIETTIVI REALISTICI (magari un cicinin di più): dopo aver fatto un autoanalisi se siete giunti alla conclusione che potreste ottenere 5, puntate a 6… il cielo non dev’essere un limite ma una possibilità.

motivazioni_visibile_JPG-59_opt

  • SCADENZE: un obiettivo a lungo termine va benissimo ma non troppo. Fissatevi degli step intermedi da raggiungere man mano per mantenervi concentrati.
  • AUTOVALUTAZIONE: fissato il piano di azione, concordate le varie tappe, fate un check ogni tanto giusto per capire se state andando nella direzione giusta. Anche se il programma è perfetto capita spesso di deragliare e se ve ne accorgete in tempo sarà più facile recuperare e rimediare.
  • VISUALIZZAZIONE: dovete proiettarvi nella direzione del vostro obiettivo. Voi siete il vostro obiettivo. Visualizzatelo, visualizzate voi stessi mentre lo afferrate. L’obiettivo in realtà è già lì pronto! Si tratta solo del giusto tempo per raggiungerlo. Volete una macchina nuova? Immaginatevi finchè la guidate.
  • MOTIVAZIONE: questo punto è fondamentale in quanto dovete per forza trovare una motivazione interna, se volete mettervi in forma per compiacere qualcun’altro non potrà mai venire fuori nulla di buono. L’obiettivo è solo per noi e noi soltanto. Questo punto ovviamente vi servirà nei momenti bui, son capaci tutti di fare i fighi quando tutto va bene, ma se l’obiettivo è ambizioso e richiede tempo, essendo noi esseri umani, incapperemo inevitabilmente in momenti difficili ed è proprio allora che dovremo tirar fuori la nostra vera motivazione e dire “si cazzo io sto facendo questo percorso perchè…”

22f7c9dac6a740e7218dc70e582a1f4a

  • GRATITUDINE E LAVORO: siate grati per quello che avete già e lavorate sodo per quello che non avete. Non crogiolatevi sui vostri punti deboli ma lavorate per renderli punti forti.
  • NIENTE LAMENTELE: qui si parla di banalissime frasi come “un vincente trova una soluzione mentre un perdente trova una scusa”…. siate la versione vincente di voi stessi. Ognuno dentro di sé può trovare un campione, una persona di successo, e se anche ancora questa persona non c’è…. bè possiamo costruirla. Abbasso la negatività, siate spudoratamente positivi.
  • FALLIMENTI: purtroppo bisogna anche saper fronteggiare i fallimenti all’interno di un percorso come questo, non abbattevi, pensate che un errore oggi si trasformerà in maggiore consapevolezza domani. Ogni errore è un’opportunità per conoscervi meglio e imparare a migliorarvi. Non esiste fallimento nel tentativo.
  • POSITIVO: continuando uno dei punti precedenti, ogni giorno trovate almeno 1, 2 o perchè anche 3 cose belle per cui essere grati, se vedete che non vi capitano mai cose positive createvi le opportunità perchè succedano.

Positive-Thinking-Mind1

  • POSITIVO NEL NEGATIVO: la sfiga si abbatte su di voi? Facciamo un gioco! Troviamo comunque il lato positivo!!! è facile fare gli sgrandezzoni quando le cose vanno bene, provate a trovare il lato positivo nelle cose quando non vanno proprio come vorreste o addirittura quando va tutto storto
  • SODDISFAZIONE: siate contenti di come siete, se non lo siete cambiate, chiunque può farlo a differenza di quanto dicono.
  • ABOLIRE: non vale dire “no”, “non”, “mai”, “eh però”, “eh ma io non…”, “impossibile”, ecc
  • RETTIFICA: visto che il punto precedente è impossibile (azz mi sono appena contraddetto… avevo detto niente “impossibile”)… diciamo che se vi capita di dire qualcosa di negativo potreste provare subito dopo a cambiare la frase rigirandola in positivo tipo “che merda sto tempo del cazzo”… OPS… mmmmmm…. “dai c’è questo bel tempo di merda che mi permette di riposarmi in divano!
  • FATE UNO SFORZO: siamo umani, capiterà che nonostante il piano d’azione avremo voglia di mollare. Non fatelo. NON MALLATE. Magari rallentate un pochino per riposarvi ma senza mai perdere di vista l’obiettivo. Poi sarete di sicuro contenti di non aver mollato. In caso estremo di crisi profonda fatevi aiutare, nessuno è un’isola (salvo casi particolari)
  • RISULTATO: quando avrete raggiunto effettivamente l’obiettivo potrete riguardare indietro per vedere il percorso fatto e tornando a guardare avanti vi ritroverete persone più forti e più positive, persone migliori. Arrivati a questo punto poi non vi rimarrà che settare un nuovo obiettivo leggermente più ambizioso del precedente.

never-give-up-rona-k11Wqq-quote

E si arriva anche quest’oggi in conclusione. Avete già pensato a quale sarà il prossimo obiettivo? Bene! Ora non resta altro che partire e ricordatevi di godervi il viaggio, è quella la parte interessante, la destinazione non potrà che trasformarsi nell’inizio di un’altro percorso per raggiungere nuovi obiettivi visto che nel frattempo sarete diventati, come abbiamo già detto, più ambiziosi e tenaci. Ora mi congedo e vi auguro di diventare la miglior versione di voi stessi!!! (minchia questo articolo è da pelle d’oca ragazzi…. MOTIVAZIONE A PALLETTONE) E ancora una volta Get fit STAY positive GET SUPER

Davide Artusi & Be Aktive

13315599_10209600177185440_8559672567908229965_n